EVENTUALCASO BUTTO L'ANCORA   

Eventualcaso butto l'ancora è il terzo libro della trilogia umoristica che narra le disavventure di un gruppo di amici in vacanza in giro per il mondo.

Nel primo (Zitto e nuota!) i nostri eroi si cimentavano con uragani e mareggiate a bordo di un veliero fatto in casa da uno di loro;

nel secondo (Zitto e guida!) vagabondavano con tre camper presi a noleggio;

ora, invece, vanno a zonzo per il mondo con un autobus assemblato dal folle costruttore del veliero della prima avventura.

I nostri amici, gente di mare, vanno al Nord e sono obbligati a cimentarsi con distese innevate e lande ghiacciate, scoprendo, ancora una volta, come il mondo sia diverso dalla loro calda e tranquilla isola d'Elba.

 


«Adesso il problema era quello di salire sull'amaca (detta anche dai marittimi cuccetta sospesa). Era di ruvida stoffa marinara senza le tipiche rassicuranti stecche che tengono allargate le amache da giardino.  A vederla così, afflosciata contro la parete, dava l'idea di somigliare più a un sudario o a una camicia di forza che a un letto. Eppure dovevo infilarmi là dentro... Quell'oggetto diabolico non aveva bordi su cui appoggiarsi per salire: era fluttuante, mobile, semifluido. Mi gettai: mentre mi libravo nell'aria (si fa per dire: "librarsi" è più adatto se si parla di una farfalla o di un'esile fanciulla che esegue volteggi, anziché di un adul­to un po' sovrappeso come me, ma... rende l'idea) ebbi la fugace visione di...»

 

Raffinato umorismo e spensierata comicità s'incontrano in una narrazione   felicissima dove la prosa limpida e scorrevole si allea all'inesauribile inventiv